meriggio

Meriggio Nella dolcezza dell’ acqua di fiume dove tenera la riva s’ adombra dondola morbido tra i rami d’ un salice. [ uccelli cantano un meriggio lento] foglio di roberto matarazzo Scosso dai germogli d’alba, affresca un tramonto d’ aprile che rosseggia. Ramato s’ allunga vergando il cielo. Venexiana  

***

  Puerto Escondido (Mexico) Esotismo tropicale del tirare avanti, imprevedibili rari sprazzi di accelerazione ben presto sopiti dal caldo e dalle amache con vista sul Pacifico. Ozio dondolante nel vento dell’est camicia bianca, pelle scura, i tetti di palma. Le vie di morbida sabbia carezzate da venti di tramontana e creste spumeggianti le immense onde Venexiana

*

Cose Così (mirtilli e more) Indomita attrattiva il nostro amore, ha occhi di luna e odora di bosco. Fra felci sinuose assetato, l’amore, si riempie la gola di mirtilli e more. Toccando la pelle rugiada si sveste, tessendo per noi pensieri amaranto.   Venexiana

*

Nel Rosso mio volo Fondo argentino brizzolato  Tra gemme ripiene di verno Umida polvere a primavera, Fra morsi di baci da diporto Profumi  insonni d’ imbrattate tele Leniti rimorsi da nuovi percorsi. Burro cacao sulle spiegate vele. Nel nobile Rosso del mio volo Risoluto, esilio, l’abbaglio del gelo. La neve sciolta è gora, è limo, Ma sogna ancora d’esser cielo. … Continua a leggere

*

  Riavvolgo il nastro dei ricordi annodo trasparenze prendo fiato prima di voltarmi fiero cristallo di quarzo Disordinato Pierrot Lunaire  libero di perdersi in successione casuale fra i semitoni di Schönberg Venexiana

*

Poesia d’Amore, forse Respiro il calore del tuo abbraccio Sorrido proprio dentro il tuo sorriso. Stretti  nell’ inferno d’un mare d’inverno Che bieco lambisce le mura del Fortino* Assediato dal brago, morchia senza speme. Maestose ondosità di purpuree lampare Poi tempesta si placa in trattenuti baci. Venexiana      *Forte di S.Andrea, edificato nel ‘500 per difendere dai Turchi la … Continua a leggere